25Settembre2017

Login

Accesso all'Area Riservata

Nome Utente
Password *
Ricordati di me
Sei qui: Home News Lorenzo Mantenuto atterra lontano nel lungo: 7,11 metri

Lorenzo Mantenuto atterra lontano nel lungo: 7,11 metri

Sesta prestazione italiana Juniores stagionale da parte del diciottenne atleta della Vomano Gran Sasso


Si sono registrati risultati interessanti di alcuni dei migliori saltatori e velocisti teramani, impegnati in meeting extraregionali. A Orvieto, al meeting II Notturna,  risalta il nuovo primato personale nel salto in lungo del diciottenne Lorenzo Mantenuto (Vomano Gran Sasso), che ha vinto con la misura di 7,11 metri (vento + 0,7 m/s), sesta prestazione italiana stagionale Juniores. Migliorato il precedente personale di 7,07 ottenuto il 28 maggio scorso sulla stessa pedana della pista di Orvieto. Sui 100 metri, buona prestazione di Giovanni Tomasicchio (Vomano Gran Sasso), primo con 10”74 (vento

- 0,3 m/s), seconda prestazione personale stagionale. Nella stessa gara si segnalano anche l’11”16 (vento - 0,2 m/s) di Riccardo Farroni (Vomano Gran Sasso), vincitore della terza serie, nella quale si è piazzato quarto il campione italiano Allievi di salto triplo Salvatore Angelozzi (Vomano Gran Sasso) con 11”39. Sui 200 Tomasicchio sesto con 21”94 (vento - 0,1 m/s), 11° Farroni con 22”20 (vento - 0,6 m/s).

Nella velocità femminile Ludovica Clementini conferma la sua buona condizione, piazzandosi terza sui 100 con 12”15 (vento + 0,3 m/s), dietro Giulia Latini (Carabinieri) 11”91 e Gaia Fabbri (Studentesca Rieti) 12”11. Sui 200 la stessa velocista dell’Atletica Gran Sasso Teramo è arrivata seconda con 24”92 dietro la Latini 24”00 (vento + 0,3 m/s).

Al meeting internazionale del Sestriere, incentrato sul salti in estensione, si segnala il terzo posto nel triplo di Giada Bilanzola (Atletica Gran Sasso Teramo) con la misura di 12,79 metri. Vento eccessivamente a favore (+ 3,4 m/s) che, se da un lato poteva favorire sulla carta la prestazione, dall’altro ha reso difficile a tutte le atlete la regolazione della rincorsa. Non si sono infatti registrati risultati clamorosi nonostante l’altura e il vento: ha vinto la slovena Dana Veldakova con 13,98 (v. + 4,0 m/s), davanti all’azzurra Dariya Derkach (Aeronautica Militare) 13,58 (v. + 3,5 m/s). Da ricordare che la Bilanzola vanta un primato personale di 12,87, che risale alla stagione indoor di quest’anno.